Moretti si ritira dal calcio giocato: il difensore del Torino annuncia il ritiro

EMILIANO MORETTI SI RITIRA – Ora è ufficiale: si chiuderà ufficialmente domenica la carriera di un professionista esemplare e di un grande difensore come Emiliano Moretti, colonna portante della retroguardia e dello spogliatoio del Torino. Per annunciare il ritiro dal calcio giocato, la società granata e lo stesso giocatore hanno deciso di convocare una conferenza stampa “a tre”, con Moretti, mister Mazzarri e il presidente Cairo dinanzi alle telecamere.

Queste le parole di Emiliano Moretti, visibilmente emozionato: “È il momento di smettere, era un po’ che ci pensavo. È una decisione che è maturata già da un po’ e a cui pensavo da qualche settimana, lo sapeva solo mia moglie. Pian piano, ho cominciato a parlarne con il mister e con alcuni compagni. Sono molto contento di quello che ho fatto e che abbiamo fatto anche in quest’ultima stagione, nonostante la squadra non abbia raggiunto l’obiettivo che sognavamo di conquistare.”

La mancata qualificazione alle competizioni europee potrebbe aver inciso sulla decisione del numero 24 granata, a cui era già stato proposto un rinnovo: “Fino a poco tempo fa, parlavamo addirittura di Champions League, c’era la reale possibilità di raggiungerla. Al di là di questo, però, è una decisione che avevo già preso e forse solo il raggiungimento di un sogno come quello mi avrebbe fatto cambiare idea. Probabilmente avrei continuato un altro anno in tal caso.”

Poi, ha preso la parola Urbano Cairo: “Sono corso subito qui per celebrare la carriera di Emiliano, dopo aver provato in tutti i modi a convincerlo di rimanere almeno un altro anno. Accettiamo la sua decisione e non posso far altro che dirgli che merita senza dubbio un ruolo all’interno della dirigenza del Toro, per tutto ciò che ha fatto e che ha dato per la causa granata.”

Infine, alcune battute di Walter Mazzarri: “Emiliano è stato molto importante in campo e fuori, è un uomo vero, che ha fatto un grande campionato anche quest’anno. Ci mancherà proprio per le sue qualità umane, oltre che tecniche.”

Leggi anche:

Torino FC, Cairo: “Ci riproveremo per l’Europa con qualche acquisto mirato”

Torino FC, tre calciatori in scadenza a fine stagione e due prestiti da riscattare

Nato ad Avellino il 26 dicembre 1996, ha conseguito la Laurea Triennale in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Amante del calcio sin dalla nascita, segue l'Avellino Calcio fin da bambino e resta aggiornato su tutto ciò che riguarda lo sport più bello del mondo.