Supercoppa Italiana Primavera, nessuno critichi Vincenzo Millico!

Supercoppa Italiana Primavera – Una sola piccola ombra ha lievemente oscurato ieri la magnifica serata del Torino, l’errore dal dischetto di Vincenzo Millico durante la lotteria dei calci di rigore.

Le critiche non sono arrivate ovviamente per la mancata realizzazione dagli undici metri, ma per come il giovane talento granata ha tentato di segnare. Un cucchiaio che ha terminato la sua corsa impattando contro la traversa. Fallendo così il match point quando il Toro si trovava in vantaggio di due goal sull’Inter. Uno sbaglio che fortunatamente indolore dato che il Torino ha comunque alzato al cielo la Supercoppa Italiana Primavera.

Ora è giusto che questo gesto riceva critiche, a patto però che siano costruttive e che arrivino da chi ne ha le competenze. Come fatto dal suo tecnico Federico Coppitelli:Quello di Vincenzo è un errore grave, chi ha fatto percorsi di prima fascia non dovrebbe fare queste cose . Se noi poi perdiamo ai calci di rigore… Queste cose quelli dell’Atalanta o dell’Inter non le fanno. La lucidità deve sempre rimanere alta.” 

Un ammonimento giusto, per tenere il ragazzo coi piedi per terra, i tifosi però devono però supportarlo. Altrimenti cosa capiterà quando Millico farà il tanto atteso esordio in Serie A e sbaglierà qualcosa?

Così come sarebbe stato giusto non esaltarlo nel caso in cui fosse stato lui a segnare il rigore decisivo. La cosa che può far più male a un giovane e proprio l’altalena emotiva che nel calcio ti può portare in un attimo dalle stelle alle stalle e viceversa.

Il classe 2000 ha dimostrato di essere un patrimonio del Torino, con i suoi 26 goal segnati in 21 partite a cui si aggiungono 6 assist in questo inizio di stagione, e non può essere disperso per alcuna ragione.

I rigori li sbagliano tutti, anche i più grandi campioni della storia del calcio. Millico deve soltanto continuare il suo percorso di crescita, ricordando che in questa fase della carriera non esistono errori, ma solo occasioni per imparare.

(Fonte foto: profilo Instagram di Vincenzo Millico)

Leggi anche: 

Torino e Atletico Madrid, possibile gemellaggio in vista? 

Romero su Belotti: “Un attaccante fa molto per la squadra se segna più di 20 reti”

 

Come Arrigo Sacchi amo il calcio, e lo sport in generale, perché è la cosa più importante delle cose meno importanti, e come Maurizio Mosca cerco di spargere allegria tra la gente.