Il Torino e il 4 maggio: i precedenti delle partite giocate in questa data

Torino 4 maggio – La Lega di Serie A, come ormai noto, ha fissato in calendario il Derby della Mole il 4 maggio. Una decisione che ha naturalmente messo in subbuglio tutto il popolo granata, vista la sacralità di tale data per il Toro. A maggior ragione quest’anno quando ricorrerà il settantesimo anniversario dalle tragedia di Superga.

Il presidente Cairo ha già chiesto di poter cambiare giorno in cui disputare la partita e la Lega si è detta disponibile ad attivarsi per farlo. Al momento tuttavia la gara resta fissata per il 4 maggio, con tutte le polemiche annesse.

Il Torino in campo il 4 maggio non sarebbe tuttavia un unicum. È già infatti successo in altre sette occasioni per quanto riguarda le gare di Serie A. La prima volta avvenne ad appena tre anni da quel tragico giorno, nel 1952 il Toro perse in casa contro la Sampdoria 1-o, l’ultima nel 2014, quando la squadra allenata all’ora da Ventura s’impose 1-0 sul Chievo a Verona.

Ecco tutte le volte in cui il Toro è sceso in campo il 4 maggio:

04-05-1952 Sampdoria-Torino 1-0
04-05-1958 L.R.Vicenza-Torino 1-1
04-05-1969 Bologna-Torino 2-0
04-05-1975 Torino-Napoli 1-1
04-05-1980 Torino-Lazio 1-0
04-05-2008 Torino-Napoli 2-1
04-05-2014 Chievo-Torino 0-1

Due sconfitte, di cui una durante il ventesimo anniversario, due pareggi e tre vittorie, arrivate curiosamente nelle ultime tre occasioni. A queste di aggiungono una partita di Coppa Italia vinta 3-1 A Monza nel 1978 e un’amichevole finita 0-0 contro il Peñarol nel 1967 a cui prese parte anche Gigi Meroni. Pochi mesi prima di venire investito in Corso Re Umberto.

Non un inedito pertanto vedere il Toro giocare in una data storica come il 4 maggio, certo giocare un derby in un giorno così speciale sarebbe quantomeno straniante.

(Fonte foto: Tuttosport)

Leggi anche: 

Valentino Mazzola, un campione vinto soltanto dal fato 

Vittorio Staccione, noi ti ricordiamo

Emile Bongiorni, colui che avrebbe dovuto raccogliere l’eredità di Gabetto

Come Arrigo Sacchi amo il calcio, e lo sport in generale, perché è la cosa più importante delle cose meno importanti, e come Maurizio Mosca cerco di spargere allegria tra la gente.