Torino FC: svanisce il sogno europeo, ma questa squadra merita comunque applausi

Empoli-Torino – Ieri contro l’Empoli è svanito il sogno europeo del Torino, ed è successo probabilmente nel peggiore dei modi. Un brusco risveglio. Un pesante 4-1 subito contro quella che prima della partita era la terzultima in classifica. Un cazzotto da KO arrivato di fronte al popolo granata che era accorso in massa al Castellani per spingere il Toro alla vittoria.

Certo il trionfo in Coppa Italia da parte della Lazio, che ha reso il settimo posto non più valido per l’approdo in Europa, ha quasi certamente fatto staccare la spina al Torino. Sia chiaro, questo resta un grande limite. Quel famoso ultimo step che non si riesce mai a fare. Questa stagione tuttavia rimane da applausi. Il miglior campionato dell’Era Cairo. Ricordiamo inoltre che 60 punti sono stati sufficienti per andare in Europa League in ben 5 degli ultimi 10 campionati. 

Il rammarico resta alto, in quest’annata l’obiettivo sembrava alla portata visto il grande equilibrio del campionato. Basti pensare che l’Atalanta attualmente terza ha soli sei punti più del Toro. Sarebbe davvero bastato qualche episodio per avere una classifica migliore. Il gruppo però ha dimostrato una crescita costante e non sarà un pomeriggio andato storto a screditare l’ottimo lavoro svolto da Mazzarri e dei suoi ragazzi durante tutta la stagione.

Prendendo in prestito un aforisma di T.S. Eliot: “Quello che conta è il percorso del viaggio e non l’arrivo”. Un percorso che ha fatto sognare i tifosi e che merita adesso si essere celebrato con una bella prestazione contro la Lazio e con un abbraccio di tutto l’Olimpico Grande Torino, con un arrivederci alla prossima stagione. Perché questo è il bello del calcio, dopo ogni sconfitta, dopo ogni delusione, c’è sempre un’altra partita, un’altro campionato per rifarsi.

(Fonte foto: Torino FC)

Leggi anche: 

VIDEO – L’applauso dei tifosi del Toro alla squadra nonostante la pesante sconfitta contro l’Empoli 

Pagelle Empoli-Torino 4-1 / Pomeriggio da incubo per i granata

Come Arrigo Sacchi amo il calcio, e lo sport in generale, perché è la cosa più importante delle cose meno importanti, e come Maurizio Mosca cerco di spargere allegria tra la gente.