Torino-Sassuolo 2-1: la conferenza stampa di Mazzarri post partita (Serie A 2019-20)

Torino-Sassuolo – Walter Mazzarri è intervenut in conferenza stampa dopo la vittoria del Torino per 2-1 contro il Sassuolo. Ecco le sue dichiarazioni:

“Preparare la partita con N’Koulou o senza avevo comunque un giorno per farlo. Dopo la partita col Wolverhampton ho parlato con i difensori per analizzare gli errori. N’Koulou mi ha detto che non ci stava con la testa e per rispetto del gruppo l’ho lasciato a casa, anche perché abbiamo tati giocatori che scalpitano.

Fin che le energie ci sino state abbiamo fatto bene, poi abbiamo sofferto perché non c’erano più energie e i cambi sono solo tre. Abbiamo comunque avuto 6 palle goal e non le abbiamo concretizzate. In questo dobbiamo migliorare, dobbiamo chiudere le partite per non avere apprensione.

Mercato? I giocatori non sono noccioline, vanno acquistati elementi funzionali. Di mercato va chiesto alla società. I rispetto i giocatori che ho a disposizione che mi danno l’anima e non cerco alibi.

Io sono l’allenatore e avevo la responsabilità del risultato. Non voglio aggiungere altro sulla questione N’Koulou, è una questione più della società che mia. Il presidente ha fatto di tutto per trattenere i giocatori che abbiamo. Con N’Koulou abbiamo fatto tutto il possibile per trattenerlo.

Ansaldi sarà fuori per la sfida di Europa League, gli altri dovrebbero essere tutti recuerabili. Iago Falque non è difficile che recuperi. Aspetto giovedi per parlare di tutto e fare delle considerazioni.

Questa squadra sarebbe arrivata quarta nel girone di ritorno e senza errori arbitrali saremmo arrivati quarti”.

Leggi anche: 

Torino-Sassuolo, N’Koulou in Tribuna: Ecco il Morivo

Gli striscioni di protesta dei tifosi del Toro appesi al Filadelfia (Foto)

Calciomercato, possibile scambio fra Torino e Sassuolo: la situazione

La Gazzetta dello Sport: “Contatti fra Torino e Milan per un centrocampista rossonero” 

Come Arrigo Sacchi amo il calcio, e lo sport in generale, perché è la cosa più importante delle cose meno importanti, e come Maurizio Mosca cerco di spargere allegria tra la gente.