Torino-Udinese: le dichiarazioni di Mazzari pre partita

Il tecnico granata Walter Mazzarri è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia della sfida fra il Torino e l’Udinese, valevole per la quarta giornata del girone di ritorno della Serie A 2018-19. Di seguito le dichiarazioni rilasciate da mister Mazzarri a 24 ore dal calcio d’inizio del match in programma allo “Stadio Olimpico Grande Torino”.

Partita solo apparentemente facile: “Nel calcio moderno tutte le partite sono difficili, – ha esordito Mazzarri – l’Udinese ha ottimi giocatori e un allenatore bravo e giovane. Dovremo fare un’ottima partita per vincereNoi quest’anno stiamo facendo bene, purtroppo non raccogliamo tutto quello che seminiamo. Manca un po’ di qualità negli ultimi passaggi.”

E poi ha aggiunto: “A Ferrara abbiamo avuto 6 o 7 occasioni per fare gol, purtroppo compiamo scelte sbagliate davanti all’area di rigore. Dobbiamo essere più cinici, ma ci stiamo lavorando durante gli allenamenti: speriamo di migliorare questo problema. Quest’anno è un anno di costruzione, ma il motivo per cui non riusciamo sempre a fare un salto di qualità può essere un nostro limite“.

Recuperato Djidji: “Da un punto di vista fisico sta bene, in settimana si è allenato con i compagni: è disponibile per domani. È scosso dalla scomparsa di Sala, ma questo è ovviamente giustificabile, dato che erano molto amici“. Millico? Il ragazzo si sta allenando con noi già da diverse settimane e i risultati si vedono: ora vediamo se, quando sarà il momento, confermerà le stesse prestazioni. Domani vedremo se ci sarà bisogno di lui“.

Infine, una battuta (e un consiglio) al Gallo Belotti: “Il suo compito in difesa sarebbe solo quello di pressare l’ultimo difensore, lui però si sente capitano, quindi questa sua generosità è dovuta a lui. Deve stare più alto, ci serve in mezzo all’area“.

Leggi anche:

Torino-Udinese, recuperato Djidji: ecco come verrà schiererà la difesa granata

Beretta: “Appoggerò sempre il Torino, ma non ne sarò mai il proprietario”

Come Arrigo Sacchi amo il calcio, e lo sport in generale, perché è la cosa più importante delle cose meno importanti, e come Maurizio Mosca cerco di spargere allegria tra la gente.